In questo momento storico, a fronte di una realtà caratterizzata dalla complessità e dalla frammentarietà, si avverte la necessità di favorire approcci alla salute a partire dall’ascolto di sé e del proprio mondo interiore, in relazione ad una rete informativa energetica presente nell’Universo. 

I suoni avvolti da un alone magico sollecitano e sostengono la continua ricerca e tensione dell’uomo verso quel lato unitario, intuitivo e sacro, il , capace di ricomporre la globalità dell’essere. 

Il nostro corpo nel suo stato più naturale e rilassato vibra ad una frequenza fondamentale che va dai 7,8 agli 8 cicli al secondo (Hertz); la Terra vibra anch’essa alla frequenza fondamentale di circa 8 cicli al secondo (la cosiddetta risonanza Schumann).

Per tale ragione il nostro organismo e la Terra sono in sintonia vibrazionale e questa sintonia è ancora più evidente al livello del sistema nervoso quando si raggiunge lo stato meditativo, durante il quale vengono emesse onde alfa con frequenza di circa 8 cicli al secondo. 

Anche le campane tibetane emettono onde alfa simili alle onde cerebrali con frequenze comprese tra gli 8 e i 12 Hertz, ed hanno una configurazione regolare e sincronizzata; ciò spiega il loro effetto riarmonizzante. 

Per comprendere meglio il fenomeno si consideri che le onde cerebrali possono emettere 4 frequenze distinte, ognuna delle quali corrisponde a determinati stati di coscienza: 

  • Onde beta : sono prodotte dal cervello in stato di veglia;
  • Onde alfa : sono prodotte dal cervello in stato di calma e meditazione;
  • Onde theta : corrispondono allo stato di dormiveglia o sonno leggero;
  • Onde delta : sono associate al sonno profondo.

Ecco perché l’emissione di onde alfa da parte delle campane tibetane è in grado di favorire lo stato di coscienza che conduce alla calma ed alla meditazione.

Ogni campana è accordata con lo stato di meditazione per risvegliare i suoi suoni millenari ed ottenere così il proposito di armonizzare ed elevare la vibrazione di chi la suona e di chi l’ascolta. Il massaggio armonico permette l’armonizzazione delle frequenze che genera un riordinamento molecolare. E’ efficace perché il nostro corpo è formato principalmente da acqua, quindi quando viene sottoposto alla frequenza vibrazionale “accordata e armonica” delle campane, si vede influenzato da queste vibrazioni elevate e profonde. 

Il beneficio di un trattamento vibrazionale è quello principalmente di rilassarsi permettendo al DNA e alle cellule di rigenerarsi e di riprodursi. 

A livello fisico-biologico le vibrazioni, attivando ogni singola cellula, attivano tutti i processi antinfiammatori e di rigenerazione cellulare. Lavorano sul sistema nervoso, con riduzione di stress, insonnia, stati di ansia e di panico e di tutti quei disturbi legati al sistema nervoso. 

L’energia nei meridiani riprende a scorrere naturalmente, eliminando blocchi e congestioni, i chakras sono invitati dolcemente a tornare a vibrare alla giusta frequenza; ma la grande “magia” di questo trattamento è che pulisce gli organi dalle emozioni represse e negative come rabbia, rancore e i vari tipi di paure che, come ben sappiamo, si annidano in determinati organi fino a farli ammalare, come ci insegna il metodo “Écoute ton Corps” di Lise Bourbeau.

Da quando nasciamo ci costruiamo schemi mentali, obblighi e linee guida che ci impediscono di pensare liberamente e spesso di vivere veramente sereni, e le potenti potenti vibrazioni delle campane vanno proprio a demolire questi muri che ci tengono imprigionati. 

di Jole Sciacqua

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: