“Il suono è uno specchio nel quale la Luce e l’Ombra della nostra Anima vengono riflessi”. (cit. G.Grungo nel libro “Il Suono come messaggio armonico dell’Universo”). 

Il Massaggio Sonoro delle campane tibetane si basa su oltre 5000 anni di medicina indiana. Secondo le antiche dottrine orientali l’Universo e l’umanità sono stati creati dal suono, quindi l’Uomo è il suono. Quando una persona è nutrita dal giusto tipo di suoni le cellule del suo corpo cominciano a vibrare e riorganizzarsi in base al loro progetto divino. 

La campana tibetana è un antico strumento musicale originario della cultura pre-buddista sciamanica Bon Po himalayana, che regnava nell’antico Tibet. 

I monaci Bon ne conoscevano sia il valore che l’utilizzo sul corpo umano ed erano considerati sciamani capaci della guarigione spirituale dell’uomo. In India invece i grandi meditatori ne facevano uso per riequilibrare i centri energetici. 

Le Campane Tibetane riproducono la vibrazione dell’OM che si è propagato al momento della nascita dell’Universo, il loro suono è in armonia con le vibrazioni delle sfere celesti e trasmettono queste vibrazioni a chi le suona e a chi semplicemente desidera ascoltarle. Solitamente il suono viene percepito come gradevole ed estremamente rilassante. La mente si assopisce e tende ad essere meno reattiva e seguire meno i pensieri automatici. 

Quando si percuote una campana tibetana si creano delle forti vibrazioni che si propagano lungo il braccio (se la campana viene tenuta sul palmo della mano) o attraverso il punto con cui la campana tibetana viene a contatto, nel caso in cui venga appoggiata sul corpo in corrispondenza dei chakra, massaggiando in profondità. 

Si viene a creare in tal modo una concordanza fra la campana e la persona che vi è a contatto, producendo uno stato di profondo rilassamento, fino a raggiungere le onde theta e delta degli stati meditativi più profondi. 

Lo stesso corpo umano è un insieme di vibrazioni e onde, e gli organi sani vibrano in modo armonico, mentre quelli che presentano una disarmonia hanno una frequenza “alterata”. 

Le vibrazioni delle campane tibetane richiamano la frequenza armoniosa originale e stimolano il corpo che entra in sintonia con la sua frequenza della salute. La persona che riceve il trattamento sonoro entra armoniosamente in uno stato di profondo rilassamento, mantenendo la calma interiore anche una volta terminato il massaggio. 

Il trattamento sonoro con le campane tibetane produce un effetto positivo sull’intero metabolismo cellulare, aiuta a sciogliere blocchi fisici e soprattutto emozionali, favorendo una pulizia energetica. 

Ogni disarmonia nasce da una sofferenza dell’anima.

Avvenimenti traumatici, dolore fisico, afflizioni emotive, ma anche stress, affaticamento fisico e abbattimento morale, fanno sì che si incrini l’armonia tra corpo, cuore e mente, pregiudicando l’equilibrio psicofisico e la salute del corpo. 

Ricerche scientifiche nel campo della PNEI dimostrano che il suono può produrre cambiamenti nel sistema immunitario, autonomo, endocrino e neuro-peptidico del corpo; e altre ricerche (Candace Pert, candidata al Nobel) hanno provato che i neuropeptidi sono i veicolatori dei processi emotivi nel corpo, se non addirittura la parte fisica delle emozioni.

Quindi la musica e le onde sonore hanno la capacità di influenzare la nostra sfera psichica, emotiva e mentale. 

Il trattamento sonoro cerca di esprimere la musica che abbiamo dentro, quindi la vibrazione sonora mette in risonanza nel corpo, nella mente e nello spirito un modello energetico coerente, entro il quale ritrovare il proprio codice armonico. 

Chiunque può trarne grandi benefici. Si diventa più calmi, si raggiungono alti livelli di energia, così come un sonno migliore. Con trattamenti regolari la maggior parte delle persone sperimenta un aumento della gioia e della creatività. 

di Jole Sciacqua  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: